giovedì 23 aprile 2015

Why We Write

Da pseudo scrittrice quale cerco di essere, trovo questo fumetto realizzato da Grant Snider (Incidental Comics) particolarmente tenero, semplice, ma illuminante.
Spero piaccia anche a voi.
Se qualcuno poi, fosse tanto curioso di sapere che diamine scrivo, clicchi qua.
Grazie.



(cliccate sull'immagine, per vederla in grande)

lunedì 20 aprile 2015

Conjurer's Kitchen

Buon pomeriggio, quest'oggi vorrei farvi conoscere una vera artista dell'arte dolciaria, capace di trasformare cose semplici come una torta o del cioccolato, in macabre opere d'arte, rifinite sino nei più maniacali dettagli.
Scordatevi le prodezze del boss delle torte, qua siamo ad un livello decisamente differente, e, a mio parere, assai più alto e raffinato.


(Si, e' una torta)

Ammetto che il tipo di soggetti realizzati da Annabel De Vetten e' alquanto singolare e per certi versi disturbante, ma c'è del genio in ciò che fa, ma sopratutto la ragazza possiede una conoscenza smisurata di materiali e tecniche, che credo sia evidente in quanto produce.
Conjurer's Kitchen non e' solo torte e cioccolato a tema goth, creepy o altro sul genere, si tratta di un vero e proprio laboratorio di pasticceria artistica, in grado di sfornare le creazioni più assurde immaginabili.
Come viene affermato nel sito, “The more unusual the request, the happier we are”.


Conjurer's Kitchen e' orgogliosa di poter fornire ai propri clienti un servizio di altissima qualità, estremamente scrupoloso e di sicuro effetto.
Ogni dolce viene studiato, personalizzato e valutato con attenzione massima affinché aderisca ai desideri di chi ha fatto l'ordine, e in caso che il design della torta non consentisse un numero adeguato di porzioni, la ditta fornisce un altro dolce del medesimo tipo, ma dalla forma di semplice, basica torta.
La filosofia che Conjurer's Kitchen segue, e' quella del dare il massimo valore a quanto richiede il cliente, specificando (a mio parere giustamente) come una torta sia ben più di qualcosa di commestibile o bello da vedere, essa costituisce il punto focale di un evento o festa. 
Come scrivono nel sito, solitamente nessuno si prende la briga di fare foto all'insalata o ai tovaglioli carini, e dunque che il dolce sia spettacolare, indimenticabile e prezioso, appare quasi come una sorta di dovere nei confronti della festa, dell'evento in sé, e di tutti coloro che vi parteciperanno.


Conjurer's Kitchen inoltre, produce cioccolatini dal design unico come quelli presentati in foto, ed altre squisitezze bizzarre e ricercate, realizzate con passione e cura infinita.
Fate un giro nella pagina Facebook dedicata, o spulciate la gallery del sito, scoprirete degli autentici capolavori che vi lasceranno senza fiato o, a seconda dei casi, inorriditi.
Sinceramente non so cosa darei per addentare uno di quei bellissimi teschietti di cioccolato!

mercoledì 15 aprile 2015

La Coquille et le clergyman


Lo scorso Novembre, seguendo i link di una pagina dedicata alla minimal wave e generi musicali simili, sono approdata ad un video, che presentava un montaggio di scene tratte da questo film.


(Newclear Waves - God of war)

Cosi' l'ho cercato, trovato e visto.
Si tratta di una pellicola sperimentale Francese realizzata nel 1928 e della durata di 31 minuti e rotti, che vi catapultera' in un universo fatto di immagini inquietanti e prive di un reale significato.
Proprio cosi', questo film non ha una trama definita e non ha un senso dichiarato.
L'unico tema o filo conduttore rintracciabile, e' quello dell'ossessione erotica di un prete, per la moglie di un generale.



In pratica assistiamo ad una serie di immagini mentali di tipo onirico o allucinato, che si susseguono senza avere alcuna struttura codificata.
Lo vidi in una piovosa e spettrale notte, al buio, e devo dire che nonostante la mia nulla cultura in fatto di cinema ed arte, sono riuscita ad apprezzarlo.
La mia comprensione dell'opera si e' rivelata ben scarsa, ma credo vi sia poco da capire in senso stretto.
Il film, comunque, mi ha lasciato una sensazione di disagio e follia stranamente attraenti. Suppongo derivi dall'indubbio fascino delle scene presentate, e dall'atmosfera malata che permea l'intera pellicola.
Se vi va, siate curiosi e guardatelo, senza cercarvi nulla piu' di un mucchio di sogni e deliri.
Se invece vi troverete dei significati netti, parliamone.


mercoledì 8 aprile 2015

Princess Princess

Princess Princess, è un fumetto realizzato da Strangely Katie, artista Neozelandese dal tratto rotondo, coloratissimo e vivace.
Princess Princess è stata la prima opera di quest'autrice che io abbia mai letto, ed occupa un posticino di riguardo nel mio cuore.
Scoperta grazie a Tumblr, che come già sapete se avete letto altri miei post, costituisce la mia fonte principale di scoperte creative e non, sono rimasta sin da subito attratta sia dallo stile di Katie, che dal tema trattato nella storia, un divertentissimo e scanzonato ribaltamento dei cliché, contenuti in molte fiabe appartenenti alla nostra infanzia.
Ogni volta che vi sembrerà di poter indovinare cosa accadrà da li a poco, seguendo i condizionamenti inconsci di quanto udito, letto e visto nel corso del tempo, Katie, con mossa abile e sfrontata, riuscirà a rovesciare ogni vostra convinzione, stupendovi, facendovi ridere.
Princess Princess, come dice il titolo, è una storia dove i Principi sono tutt'altro che valorosi, l'eroina di turno una Principessa, e quella da salvare, si rivela ben diversa da quanto voi conoscete.
Ogni ingranaggio gira esattamente come in una normale fiaba, ma tutto appare differente e “sbagliato”, e per questo accattivante.
Princess Princess è un piccolo inno all'accettazione di se stessi, all'esaltazione della femminilità in tutte le sue forme, all'abbattimento di pregiudizi e preconcetti che incatenano e limitano l'esistenza.
Una storia colorata, briosa e piena di gentili sfumature, che fa riflettere lasciando il sorriso sulle labbra.


domenica 5 aprile 2015

Silly Symphony - Funny Little Bunnies


Le Silly Symphony, sono una serie di 75 corti animati prodotti dalla Walt Disney, tra il 1929 e il 1939, nati (orginariamente) come accompagnamento in immagini di brani musicali.
Il piccolo gioiello di animazione che vi propongo in occasione della domenica di pasqua, e' datato 1934, e racconta di come i Coniglietti Pasquali, preparino uova e conigli di cioccolata, da distribuire durante il santo giorno.
Ricco di deliziose scenette e colori splendidi, riesce sempre a strapparmi sorrisi e buonumore.
Buona Pasqua per chi crede (non e' il mio caso), e una felice giornata a tutti gli altri.

venerdì 3 aprile 2015

Crayon Dragon

Rieccomi di nuovo qua, per parlare di un corto animato appena scoperto, visto, ed amato.
Come già accennato in passato su queste pagine, Tumblr,  oltre a fungere da archivio e luogo di ricerca ed ispirazione, per gli elementi da inserire all'interno dei miei libri o storie, si è rivelato spesso e volentieri in grado, di farmi scoprire molti artisti, film, cose creative interessanti.
"Crayon Dragon" per l'appunto, l'ho scovato tra le pieghe di questo social network caotico ed affollato.
Opera di Toniko Pantoja, racconta di una giovane artista chiamata a ridipingere una pavimento in cemento, sul quale campeggia il vecchio disegno di un gioviale drago.
Nell'istante in cui inizia a lavorare, il suolo risucchia la ragazza, conducendola in un mondo pieno di colori e magia, dove ritroverà il drago, e vivrà con lui attimi di pura meraviglia.
Il finale, che non vi spoilero, mi ha davvero commossa.
Dura solo tre minuti e rotti, guardarlo sarà semplice, veloce, e vi garantirà dolcezza ed emozioni, perfettamente stipate in un tempo esiguo, non più lungo di quanto impieghereste, a bere una tazza di tè.
E se al termine di questa manciata di minuti, vi ritroverete con gli occhi lucidi come è capitato alla sottoscritta, siate carini, fatemelo sapere.
Buona visione.

Crayon Dragon by Toniko Pantoja
Music composed by Denny Schneidemesser
Violinist - Taryn J. Harbridge
Low and Tin Whistle - Kristin Naigus
Sound Design by Glenn Harfagre





mercoledì 1 aprile 2015

Sapphire and Steel

Salve, oggi vorrei parlarvi della mia serie sci-fi preferita, ovvero Sapphire and Steel (Zaffiro ed Acciaio).
Ho talmente apprezzato questa serie, da usarla come spunto di partenza per il mio primo libro.
Between Dimensions è la mia storia più amata ed importante, che spero di correggere e riprendere come si deve, in un prossimo futuro.
Se vi sentite temerari, e volete sfidare le inevitabili magagne di punteggiatura e altro che contiene, potete trovare e scaricare gratuitamente il libro a QUESTO LINK.
Non sono una cultrice di serie TV, prediligo poche cose in genere datate, e non riesco proprio ad appassionarmi alle produzioni “moderne”.
Suppongo sia tutta colpa del mio animo anziano, che riesce ad emozionarsi davanti ad un film muto, e a sbadigliare guardando cose che i più considerano divertentissime.
Il mondo è bello perché vario, diceva qualcuno, e nel mio caso quest'affermazione appare quantomai azzeccata.


(Joanna Lumley-Zaffiro e David McCallum-Acciaio)

Ma torniamo all'argomento del post.
Sapphire and Steel è una serie Inglese prodotta da ATV, scritta da Peter J. Hammond ed andata in onda dal 1979 al 1982, per un totale di 34 episodi.
Il cast è composto da attori aventi già una discreta fama all'epoca, e vanta David McCallum (che ha raggiunto la piena popolarità in tarda età, impersonando Duckie, il medico legale acuto e stravagante in NCIS) nei panni di Steel – Acciaio, e Joanna Lumley (già famosa per il suo ruolo in The New Avengers – 1976/77) in quelli di Sapphire – Zaffiro.
La serie viene considerata la risposta dell'emittente ITV al ben più celebre e longevo Doctor Who, ed il tema portante in Sapphire and Steel, ricorda per certi versi quello su cui da più di 50 anni, si basano le avventure del Dottore nella vecchia cabina blu, cioè il TARDIS.
Sapphire and Steel sono due fantomatici Operatori Interdimensionali, incaricati di risolvere anomalie e altri problemi, riscontrabili nel tessuto del tempo.
In definitiva Zaffiro ed Acciaio, si occupano di mantenere integrità e ordine nel tempo.
Molto poco si sa di loro, e dell'organizzazione di cui fanno parte assieme ad altri loro colleghi, che portano tutti nomi legati agli elementi, e dei quali, durante la sigla di apertura si accenna, presentandoli con i nomi di Gold- Oro, Lead – Piombo, Copper – Rame, Jet – Giaietto, Diamond – Diamante, Radium – Radio, Sapphire – Zaffiro, Silver – Argento e Steel – Acciaio.
In totale gli operatori sono 127, ed includono 12 elementi transuranici, che però non vengono impiegati laddove vi sia vita.


(Sigla di apertura)

Nel corso degli episodi, due degli elementi citati nella sigla, compaiono per fornire assistenza ai protagonisti. Si tratta di Lead – Piombo e Silver – Argento.
Zaffiro ed Acciaio sono esseri non umani, in possesso di poteri particolari e ben definiti, con i quali affrontano gli incarichi che vengono loro assegnati.
Zaffiro, la parte più “emotiva” della coppia, possiede doti di psicometria, ovvero la capacità di estrapolare informazioni solamente toccando un oggetto, riportare indietro il tempo limitandosi però allo spazio di poche ore o giorni. È inoltre in grado di ricevere informazioni riguardo le persone a cui si avvicina, come età, salute, background esistenziale, e psicologia.
Tutte queste azioni vengono sottolineate dal cambio di colore nei suoi occhi, le cui iridi assumono un inquietante e brillante colore blu elettrico.
Acciaio, duro, scostante, freddo come il metallo di cui porta il nome, totalmente disinteressato ai sentimenti altrui, rappresenta il lato più cinico e “muscolare” della coppia.
Dotato di forza straordinaria, piega sbarre di metallo senza troppi sforzi, ma la sua peculiarità più spiccata, sembra essere quella di poter  abbassare la propria temperatura sino allo zero assoluto, per congelare e distruggere i nemici.
Quest'operazione tuttavia, lo fiacca enormemente a livello fisico, riducendolo all'inabilità quasi totale per parecchie ore.
Acciaio inoltre, può paralizzare le persone con lo sguardo, spostare oggetti usando la mente (telecinesi),  ed essere praticamente invulnerabile.
I due, spesso e volentieri, comunicano tra di loro usando la telepatia.
Il rapporto che lega Zaffiro ed Acciaio sembra essere di pura e semplice collaborazione; Acciaio spesso rimbrotta Zaffiro parlandole duramente, sgridandola, trattandola male, ma vi sono anche moltissimi elementi nel suo comportamento, che fanno chiaramente pensare che provi un profondo affetto per la collega, un affetto che sfocia in amore mai dichiarato apertamente, ma di cui si possono trovare molti indizi nel corso degli episodi.
Zaffiro invece, pare più leggera, si mostra interessata ad Argento, amoreggia per così dire con lui, e pur manifestando un profondo legame con Acciaio, non appare coinvolta quanto il compagno di avventure.
Le storie di cui sono protagonisti, si caratterizzano per le atmosfere sospese ed oscure, i ritmi dilatati, la solennità, e la piega spiccatamente soprannaturale.
Zaffiro ed Acciaio hanno a che fare con spettri, entità di incerta natura, lesioni nel tessuto del tempo che inghiottono persone e creano illusioni, loop temporali e cosi via.
Grazie ad una sapiente recitazione, le ambientazioni, l'uso di pochi effetti speciali impiegati in modo semplice ma incredibilmente efficace, al potere delle storie, Zaffiro ed Acciaio può essere considerata una serie unica, che seppur datata, mantiene un fascino straordinario.
Vi consiglio di guardare tutti gli episodi in originale su YouTube, e di avere pazienza se il primo vi sembrerà lento, perché vi garantisco che il vostro tempo non sarà sprecato.
Zaffiro ed Acciaio è una serie che necessita di pazienza, amore per le storie di fantasmi, le atmosfere oscure e un po' gotiche, il desiderio di attendere, sognare.
Vi lascio con il link al primo episodio, e mi raccomando... Upstairs and downstairs... upstairs and downstairs...